Esce dalla finestra e rientra dal portone con tutti gli onori del caso. Defenestrato brutalmente senza alcun motivo, se non quello di gravitare intorno alla Mens Sana, Gianpaolo Amatori non è più il formatore  di istruttori minibasket della provincia di Brindisi. Con un fantastico intervento di epurazione, il comitato regionale dei fippaioli pugliesi ha tolto, adducendo motivi  contestabili e senza un normale contraddittorio, la qualifica che il noto coach brindisino deteneva da un ventennio. In verità la situazione, grazie ai tanti attestati di stima che ha ricevuto, era rientrata dopo un incontro con il vice presidente della FIP Simone Cardullo, il quale aveva notato la forzatura e in alcuni casi delle stranezze evidenziate nella procedura. Poi la situazione è nuovamente precipitata con le dimissioni di Maifredi. L'attuale gestione del neo responsabile del settore giovanile nazionale Margaret Gonnella, ha rigettato, ovviamente, lo scontato reintegro di Amatori nei ranghi dei formatori. Ovviamente la storia avrà un seguito anche fuori dalla F.I.P. per dimostrare che  il comitato regionale Puglia ha agito con arroganza e, in alcuni casi, dichiarando il falso. Adesso il CONI assegna a Gianpaolo un importante riconoscimento che gli sarà consegnato in occasione delle "Stelle al merito sportivo" nella sala convegni della Camera di Commercio lunedì 27 ottobre alla presenza del Prof. Riccardo Agaibo - vice presidente nazionale dl CONI. Chissà se i fippaioli della casa del mulino bianco riusciranno a togliergli anche questo importante riconoscimento! Intanto nel giro bazzica qualche pluri-radiato beneficiante di qualche  indulto o grazia federale. Gentaglia!