L'Associazione sportiva dilettantistica Mens Sana Mesagne aderisce all’iniziativa “Mi illumino di meno”, promossa da Caterpillar,  il noto programma di Radio 2 in onda tutti i giorni dalle 18 alle 19.30, che  lancia per oggi 13 febbraio 2009  una grande giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico. Dopo il successo delle passate edizioni, i conduttori Cirri e Solibello chiederanno nuovamente ai loro ascoltatori di dimostrare che esiste un enorme, gratuito e sotto utilizzato giacimento di energia pulita: il risparmio. L'invito rivolto a tutti è quello di spegnere le luci e tutti i dispositivi elettrici non indispensabili oggi 13 febbraio 2008  dalle ore 18. La società cestistica mesagnese ha messo in campo una serie di iniziative dedicate alla sensibilizzazione dei suoi 300 iscritti  e dei suoi tifosi sulla necessità di un utilizzo più consapevole delle risorse energetiche.
In questa settimana  tutti gli allenamenti sono stati effettuati, nei limiti del possibile, con la luce solare, risparmiando l'energia elettrica nelle prime ore del pomeriggio. In occasione della gara casalinga di serie C del 7 febbraio contro la Juve Trani, è stato tenuto spento il riscaldamento del palazzetto dello sport come campagna di sensibilizzazione.  Altre iniziative sono state  proposte a tutti gli iscritti affinchè nasca tra i giovani la cultura per razionalizzare i consumi d'energia e di risorse, dai piccoli gesti quotidiani agli accorgimenti tecnici che ognuno può declinare a proprio modo per tagliare gli sprechi. Lo scorso anno il “silenzio energetico” coinvolse simbolicamente le piazze principali in Italia e in Europa: a  Roma  il Colosseo, il Pantheon, la Fontana di Trevi, il Palazzo del Quirinale, Montecitorio e Palazzo Madama, a  Verona  l'Arena, a  Torino  la Basilica di Superga, a  Venezia  Piazza San Marco, a  Firenze  Palazzo Vecchio, a  Napoli  il Maschio Angioino, a  Bologna  Piazza Maggiore, a  Milano  il Duomo e Piazza della Scala ma anche  Parigi, Londra, Vienna, Atene, Barcellona, Dublino, Edimburgo, Palma de Mallorca, Lubiana  si sono “illuminate di meno”, come altre decine di città in Germania, in Spagna, in Inghilterra, in Romania. La stessa esperienza si ripeterà quest'anno.