MENS SANA MESAGNE 2MD UTENSILI - EAGLES BRINDISI = 63 - 56

MENS SANA MESAGNE 2MD UTENSILI: Carriero Ale. n.e., Mazza 8, Rubino 15, De Maria 12, Voglino 4, Scalera 3, Paolelli, Risolo 20, Monna 1, Mitrotti. Allenatore: Massimo Distante.

EAGLES BRINDISI: Sirena 10, Tataranni 3, Mastrorosa R. 5, Mastrorosa T. 9, D'Amicis 6, Passante 23, Maruccia, Smiles, Cuppone n.e. Allenatore: Massimo Vitali.

Arbitri: Lobascio di Ruvo di Puglia e Filograsso di Barletta.

Parziali: 12-13 15-18 19-14 17-11

 

La Mens Sana 2MD Utensili batte l'Eagles Brindisi e muove la classifica.  Partita mediocre sul legno del palazzetto di via Udine, finalmente alla presenza di un pubblico numeroso, tra due squadre alla ricerca della condizione migliore. Hanno vinto i mensanini perchè, come era già successo contro l'Invicta, i ragazzi di coach Distante sono venuti fuori alla distanza sbagliando meno dei brindisini negli ultimi minuti. Il Brindisi deve fare a meno dell'ex Stefano Moro fuori per uno stiramento muscolare. Il Mesagne recupera gli infortunati e ritrova finalmente il figliol prodigo Sergio Rubino. Il biondo play mesagnese, nonostante i soli tre allenamenti disputati, disputa una discreta partita realizzando 15 punti con 5/7 nei liberi, 5/9 da due, 0/1 da tre e 10 palle recuperate. Partita in equlibrio con parziali di 5-7 al 5' e 12-13 alla fine del primo quarto. Nel secondo periodo permane l'equilibrio in una partita costellata da tanti errori. Al 5' è ancora pareggio 22-22, mentre il Mesagne continua a difendere approssimativamente lasciando ampi spazi soprattutto a Passante (23), spina nel fianco della difesa mensanina. Coach Distante inserisce Mazza che disputa una buona gara con un 4/6 da due e tanta presenza fisica a rimbalzo. Al riposo lungo Brindisi conduce 27-31. Al rientro in campo la musica non cambia. tanti errori da entrambe le parti, ma il Brindisi cerca di scappare. Al 5' è 33-39 con Voglino e De Maria in ombra. Recupera la Mens Sana con Risolo (20) 5/5 nei liberi, 6/17 da due e 1/2 da tre con 9 rimbalzi, e Rubino. Alla fine del terzo periodo i mensanini sono in vantaggio e conducono 46-45. Nell'ultimo quarto cede il Brindisi e De Maria ritrova la via del canestro coadiuvato da Mazza. A 5 minuti dal termine il Mesagne conduce 54-47, vantaggio che gestirà fino al termine. Risultato a parte, passo indietro nel gioco dei mensanini rispetto alla gara di Lecce. Difesa approssimativa, attacchi confusionari frutto spesso di personalismi e un nervosismo che non trova nessuna giustificazione. Adesso il calendario complica le cose in casa Mens Sana. Domenica prossima visita alla Juve Trani, poi arriva la capolista Monteroni, per poi  tornare a Trani contro la FBK, prima del turno di riposo dovuto al ritiro del Santeramo.